top of page

Microcredito per Aziende: fino a 100.000 euro con Affida!



Da domani, 12 gennaio 2024 sarà attivo il nuovo Regolamento sul microcredito contenuto nel Decreto 211/2023, con importanti novità e condizioni più favorevoli per i finanziamenti.

I prestiti dedicati al microcredito aziendale possono arrivare fino a 75mila euro (100mila euro per le Srl), con durata fino a 10 anni (dai precedenti 7). Introdotto un tetto del 10% al capitale sociale (al netto delle perdite) e dell’80% per la garanzia dei Confidi.


Il microcredito può essere concesso per sostenere l’avvio o lo sviluppo di un’attività di lavoro autonomo o di microimpresa, nelle seguenti forme:

  • Forma individuale

  • Associazione

  • Società di persone

  • Società a responsabilità limitata

  • Srl semplificata

  • Società cooperativa


I requisiti per il finanziamento agevolato


I finanziamenti 2024 non possono essere assistiti da garanzie reali e non possono eccedere il nuovo limite di 75mila euro (dai precedenti 25mila euro). In favore delle Srl, possono essere previsti anche prestiti assistiti da garanzie reali per un importo non superiore ad euro 100mila euro.

Dal 2024 l’ammontare dei finanziamenti concessi a un singolo beneficiario non può superare il 10% del capitale sociale al netto delle perdite, come risultante dall’ultimo bilancio approvato. Infine, si allunga a 10 anni la durata massima del finanziamento, dai 7 anni prima previsti.

Per quanto riguarda le garanzia dei confidi, permane il limite dell’80% solo per i prestiti più bassi, la copertura del rischio scende al 60% per le operazioni di importo superiore a 50mila euro.


Per quali progetti è concesso il microcredito


I finanziamenti sono finalizzati ai seguenti obiettivi, anche alternativamente:

  • acquisto di beni, incluse le materie prime e le merci destinate alla rivendita,

  • acquisto di servizi strumentali all’attività svolta, compreso il pagamento dei canoni delle operazioni di leasing e delle spese connesse alla sottoscrizione di polizze assicurative.

  • retribuzione di nuovi dipendenti o soci lavoratori;

  • corsi di formazione volti ad elevare la qualità professionale e le capacità tecniche e gestionali del lavoratore autonomo, dell’imprenditore e dei relativi dipendenti, dei soci delle società di persone e delle società cooperative;

  • corsi di formazione di natura universitaria o post-universitaria per agevolare l'inserimento nel mercato del lavoro.



 




71 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

Comments


bottom of page