Il mutuo a rata protetta: cos'è e perchè conviene sceglierlo!


La guerra in Ucraina (leggi qui l'articolo) ha causato in parte il rialzo dei tassi di interesse sul comparto mutui. Una soluzione ulteriore, rispetto al tasso variabile con cap (leggi qui l'articolo), è rappresentata dal mutuo a rata protetta.

Parliamo di un finanziamento ipotecario, quindi dove la garanzia è rappresentata dal bene immobile, che protegge il richiedente da eventuali aumenti dei tassi di interesse. Il vantaggio è rappresentato dal fatto, che il tasso nominale annuo, detto anche TAN, viene calcolato utilizzando non l'indice Eurirs, ma l'indice Euribor, ad oggi ancora più basso rispetto al primo.

Il vantaggio a dirla tutta, è doppio: si ha la sicurezza di vedere la rata di mutuo sempre costante, sfruttando l’attuale andamento dei tassi Euribor.

Se il tasso di interesse fissato al momento del rogito dovesse aumentare durante il mutuo, la rata non varierebbe in automatico, ma si allungherebbe la durata complessiva del finanziamento. Se invece i tassi di interesse dovessero scendere, la durata del mutuo si ridurrebbe e il debito dovuto alla banca si estinguerebbe prima del termine fissato nel contratto.

Per quanto riguarda la variabilità della durata, la banca erogante terrà in considerazione l’indice Istat aggiornando la nuova scadenza.


In quali casi è consigliato il mutuo a rata protetta?


Il mutuo a rata protetta è consigliato soprattutto in due casi:

  • Quando l'importo di mutuo è considerevole perchè grazie all’Euribor negativo, si ha il vantaggio di fissare una rata ad un tasso vantaggioso e contemporaneamente non si ha l'ansia di eventuali rialzi dei tassi.

  • E' particolarmente consigliata ai giovani che possono permettersi di allungare la durata del mutuo in caso di rialzo futuro dei tassi di interesse.

Scopri oggi quali banche in convenzione con Affida propongono il mutuo a rata protetta.




55 visualizzazioni

Post correlati

Mostra tutti